Segnalazioni

giovedì 23 marzo, Treviso, Fondazione Benetton

La Fondazione accoglie gli studenti dell’Università di Bologna frequentanti il corso Rappresentazione digitale del progetto, a cura di Anna Costa, architetto, organizzato nell’ambito del Corso di laurea Verde Ornamentale e Tutela del Paesaggio. Saranno proposti un seminario al mattino con i ricercatori della Fondazione e un incontro in biblioteca nel pomeriggio per lo studio delle fonti che fanno riferimento al tema della “rappresentazione”.

 

sabato 1° aprile ore 20.45, Auditorium Fonato di Thiene, Vicenza

Ritorni, ho visto la pace allo specchio

Viene proposto lo spettacolo di e con Filippo Tognazzo, prodotto da Zelda – compagnia teatrale professionale in collaborazione con la Fondazione Benetton, dedicato ai villaggi di Osmače e Brežani, sull’altopiano sopra Srebrenica, scelti dal Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino 2014.

Per informazioni: Zelda, cell. 340.9362803, www.zeldasrl.com, spettacoli@zeldasrl.com.

 

giovedì 6 aprile, ore 17.30, Gallerie dell’Accademia, Venezia

Parchi e giardini storici in Trentino: tra arte, natura e memoria

Presentazione del doppio volume edito dalla Soprantindenza  per i beni culturali di Trento. Introducono Paola Marini, direttrice delle Gallerie dell’Accademia di Venezia e Franco Marzatico, soprintendente per i beni culturali di Trento. Tavola rotonda con Margherita Azzi Visentini e alcuni autori.

 

giovedì 20-mercoledì 26 aprile, Spoleto

Il Centro italiano di studi sull’alto medioevo di Spoleto organizza la Sessantacinquesima Settimana di Studi, uno dei più importanti convegni di storia a livello internazionale. Il tema, Il gioco nella società e nella cultura dell’alto medioevo, è progettato anche sulla scorta delle ricerche avviate a suo tempo dalla Fondazione Benetton Studi Ricerche.

La prolusione sarà tenuta da Gherardo Ortalli, direttore di «Ludica. Annali di storia e civiltà del gioco», e fra gli interventi previsti compaiono anche quelli di Alessandra Rizzi, nel comitato scientifico di «Ludica», e di altri studiosi che hanno collaborato alla rivista della Fondazione.