Giochi di carta e studi sul gioco

incontri online
-, ore
sulla piattaforma Zoom

La ludicità e la storia del gioco sono al centro di ricerche, iniziative culturali ed edizioni della Fondazione Benetton dall’inizio degli anni novanta. Esce in questi giorni il ventiseiesimo volume della rivista «Ludica. Annali di storia e civiltà del gioco» (coedizione Fondazione Benetton Studi Ricerche–Viella), e della centralità storica del gioco parla il breve testo di Gherardo Ortalli con il quale apriamo la nostra “Agenda” di gennaio. 

Dopo l’incontro pubblico dedicato al Premio Gaetano Cozzi per saggi inediti sulla storia del gioco 2020 (e si veda qui il bando per l’edizione 2021 del premio, in scadenza il prossimo 15 marzo) realizzato online lo scorso novembre, a gennaio sono previsti due momenti di approfondimento, il primo dei quali dedicato in modo specifico all’affascinante tema dei “giochi di carta” attraverso la collezione e lo sguardo dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale, e il secondo a raccontare, dall’interno del lavoro scientifico sulla ludicità e dal punto di vista di un attento osservatore esterno della sfera ludica nel mondo contemporaneo, lo sguardo e le caratteristiche di «Ludica». 

 

martedì 19 gennaio, ore 18

Giochi di carta: le stampe dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale. 

Storia e significati tra passato e presente 

Leandro Ventura, direttore dell’Istituto Centrale per il Patrimonio Immateriale, le antropologhe Stefania Baldinotti e Cinzia Marchesini, e la storica dell’arte, responsabile del Gabinetto delle stampe, Anna Luce Sicurezza, funzionarie del medesimo istituto, ne parlano con Gherardo Ortalli, responsabile scientifico del settore di ricerche ed edizioni che la Fondazione Benetton dedica alla ludicità.

 

martedì 26 gennaio, ore 18 (link iscrizione)

«Ludica. Annali di storia e civiltà del gioco». Una rivista internazionale, crocevia di studi sulla ludicità dall’antichità alla prima età contemporanea

Ne parlano Alessandro Arcangeli, Università di Verona, Gherardo Ortalli, Fondazione Benetton, Alessandra Rizzi, Università Ca’ Foscari Venezia, e Bernd Roeck, Università di Zurigo, membri del Comitato scientifico della rivista, con Marco Dotti, giornalista, docente di “professioni dell’editoria” all’Università di Pavia, autore di numerose pubblicazioni dedicate alla ludopatia.