Fondo famiglia Coletti

Le prime notizie relative alla famiglia, originaria di Pieve di Cadore, risalgono al 1407; il ramo dei Coletti trevigiani risale a Bortolo Coletti, nato nel 1727, che acquista casa a Venezia e a Treviso. Il figlio Isidoro (nato nel 1771) sposa Chiara Sampieri, figura di rilievo – così come il marito e i figli Massimo, Agostino e Luigi – nell’ambiente dei patrioti cadorini.

Luigi Coletti (1812-1892), eminente avvocato e fervente patriota, è quello che prosegue il ramo famigliare a Treviso ove trasferisce la residenza nel 1852. Sposa nel 1851 Maria Tabacchi da cui ha i figli Ruggero, Chiara, Carolina, Silvio e Isidoro Alberto.

Isidoro Alberto Coletti (1851-1945), che prosegue il ramo trevigiano della famiglia, sposa nel 1884 Anita Gobbato, da cui avrà il figlio Luigi. Imprenditore, è attivamente impegnato in campo amministrativo e pubblico.

Luigi Coletti (1886-1961), storico dell’arte e critico d’arte. Nel 1919 sposa la marchesa Eugenia Campanari e dal matrimonio nascono Clara e i gemelli Fernando e Alberto. Dal 1937 inizia la carriera accademica che concluderà nel 1957. Notevole la sua opera per il patrimonio storico e artistico della città, ove fu conservatore del Museo e della Pinacoteca civica; molti gli impegni onorari, tra cui quello di membro del consiglio dell’Istituto di storia dell’arte della Fondazione Cini.

Fernando Coletti (1923-1997), studioso e professore di letteratura a Padova, Treviso e Venezia, ove, dal 1972, terrà l’insegnamento di letteratura moderna e contemporanea. Attivamente presente nella vita cittadina, tra le varie cariche ricoprì anche quella presidente dell’Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti di Treviso (di cui fu fondatore).

 

Contenuto del fondo

Si tratta di un fondo complesso che comprende – in stretta e funzionale relazione reciproca – la biblioteca e l’archivio della famiglia Coletti di Treviso. Contiene documentazione dalla seconda metà dell’Ottocento alla fine del secolo scorso. La biblioteca comprende 14.438 volumi e opuscoli, circa 100 testate di periodici, 409 miscellanee di pubblicazioni e documenti, 33 manoscritti, il catalogo manoscritto della biblioteca. Le discipline e gli argomenti prevalenti sono: letteratura italiana, storia dell’arte, letterature europee e delle lingue classiche, critica letteraria, estetica, filosofia, storia; vi sono inoltre guide turistiche e artistiche, libri scolastici e per ragazzi, libretti d’opera, programmi teatrali, spartiti musicali.

L’archivio comprende l’archivio famigliare, buste d’archivio contenenti documenti e carteggi relativi ai singoli membri della famiglia, registri, pubblicazioni per nozze, diplomi e mappe. Emerge per particolare evidenza, così come nella biblioteca, la documentazione personale e professionale di Luigi e Nando Coletti.

 

Strumenti di ricerca
Elenco di consistenza, elenco generale, elenco dei periodici, elenco degli incunaboli, catalogazione della biblioteca in corso (selezione), schedatura analitica di unità archivistiche in corso (selezione).

 

Condizioni di accessibilità
Il fondo è consultabile secondo le modalità previste dal regolamento del centro documentazione.